Il recinto — Poesie Stralciate

(19 novembre 2003 – n° 949) Pali piantati nel terreno in attesa della rinascita che non avverrà. Strumenti dell’uomo seriali sfocati dalla nebbia si rincorrono statici sul prato. Carezzati dallo scattante scivolare della rugiada, ma rassegnati nel subire la lenta decomposizione, immobili tacciono preda delle intemperie. © Carlo Becattini

Il recinto — Poesie Stralciate

Autore: yourborderline

lavorare fa male alla salute

1 commento su “Il recinto — Poesie Stralciate”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: