Il modello dei bidoni (the market for lemon)

sfasciacarrozzesfasciacarrozze

Il modello economico individuato dall’economista George Akerlov nel 1970, che come esempio ha supposto il mercato delle auto, ci fa comprendere un aspetto importante  dell’economia , quello della selezione avversa. Le auto usate possono essere o meno in buono stato, poiché c’è incertezza circa l’effettiva qualità di tali vetture, è necessario quindi usare un indice di qualità, ossia il prezzo; se la qualità dell’auto viene segnalata dal prezzo, chi ritiene di avere un’auto migliore da vendere rispetto al prezzo offerto dal venditore si ritira, lasciando spazio alle auto di qualità inferiore, con un meccanismo che tende sempre di più ad abbassare il livello della merce in vendita fino alla scomparsa del mercato in questione.

Questo principio si può applicare anche al mercato del lavoro; se un imprenditore decide di abbassare gli stipendi, i lavoratori più capaci tenderanno a “risparmiare fatica”, e a impegnare le energie nel cercare lavori più remunerativi finché non ci riusciranno; rimarranno quindi solo quelli meno capaci che non ritengono di poter trovare di meglio, causando forse la chiusura dell’azienda.

La selezione avversa è un aspetto che, nonostante decenni di studi e di teorie economiche ormai consolidate, non viene preso in considerazione . Le modifiche delle condizioni contrattuali non condivise quindi possono danneggiare anche chi le attua in autonomia, senza tenere conto delle persone e delle loro potenzialità.

 

 

 

Straining, ovvero stress causato nel posto di lavoro.

IMG-20170117-WA0001.jpg

In un’ epoca come quella attuale,  con il livello di tecnologia esistente, il lavoro dovrebbe essere una cosa marginale nella vita delle persone e non un impegno totale, emotivo e fisico, che occupa la parte principale della giornata per quasi tutta la settimana. Potrebbe essere svolto in gran parte dalle macchine a beneficio di tutti. Paradossalmente nella nostra organizzazione economico sociale,  viene usato come strumento di manipolazione e sottomissione, costringendoci a fare cose inutili in situazioni ostili e stressanti. Lo “straining” crea un disagio causato da un persistente stato di inferiorità e demansionamento, e diventa uno strumento di persecuzione più sottile del mobbing…