2020

Auguri a chi ama dormire ma si sveglia sempre di buon umore,
a chi saluta ancora con un bacio,
a chi lavora molto e si diverte di più,
a chi arriva in ritardo ma non cerca scuse,
a chi si alza presto per aiutare un amico,
a chi ha l’entusiasmo di un bimbo e i pensieri di un uomo,
a chi spegne la televisione per fare due chiacchiere,
a chi vede nero solo quando è buio,
a chi non aspetta il nuovo anno per essere migliore!

Auguri a te amico mio…che il 2020 ti porti ciò che sei!!

Buon Natale 2019

Buon Natale a te con tutto il mio cuore, ti auguro un Felice giorno, ricco di serenità, consapevolezza e di riposo, rilassatezza, coccole e sorrisi, tanta salute e gioia. Tvb. Stefy

Letterina a Babbo Natale

Ciao, ..il Natale si avvicina e non so se ti piace di più fare regali o riceverli . A me entrambe le cose: cercare regalini pensati appositamente per ogni persona a me cara mi stimola e mi rende felice, ricevere pensieri fatti con il cuore è altrettanto cosa gradita. Natale lo amo, l’ho sempre amato, per le luci, i colori, le musiche e l’aria che si respira. Mi piace vedere i nasi rossi per il freddo e le nuvolette di fumo che escono dalle bocche ridenti dei ragazzi e delle persone che, felicemente , vanno su e giù per il corso a cercare regali o a curiosare tra le bancarelle. Quando le mie figlie erano piccole , facevo scrivere loro la classica letterina a Babbo natale/ Gesù Bambino che facevo finta di imbucare e a cui seguivano le risposte fatte con lettere colorate e caratteri strani e in cui Babbo Natale faceva una sorta di riassunto dell’anno precedente con elogi e esortazioni a fare meglio…Tu? L’hai scritta la letterina a Babbo Natale quest’anno? Cosa gli hai chiesto?

Riverside

di Agnes Obel…me gusta mucho questa canzone..mi porta in tempi lontani, l’anima mia si sente coccolata, la mia mente parte per luoghi distanti, il sorriso si forma sulle mie labbra e gli occhi si socchiudono assaporando le parole dolci e morbide che escono dalla sua ugola. Le note riecheggiano nel mio cuore e nelle mie orecchie , mentre il mio corpo si libra mentalmente in una danza volteggiante e soave…..Ti fa lo stesso effetto?

TYT

Eccomi, sola, davanti al mio pc, finalmente sola..con me stessa e le dita sviaggiano sulla tastiera e scrivono i miei pensieri a fiume, riempiendo il mio cuore di pace e tranquillità..sì..sono qui, felice di starci, sorridente, sentendo il mio cuore che pulsa rivolto al mondo, alla vita, dono così bello e profondo…assaporo questo momento perchè ringraziare è giusto, esserne coscienti altrettanto, fermarsi e ponderare ancora di più. Tyt, take your time, il tuo tempo, che viene spesso messo da parte per cose apparentemente più importanti..ma chi è più importante di te stesso? Mi sento di dire, da mamma, solo i figli..tutto il resto può aspettare….

Felicità

Che cosa è per te la felicità? Soldi che sono fondamentali ma non essenziali se non condivisi in una realtà serena e che ci completa? Un buon lavoro? Una famiglia o? Un patner ? Amici? Per sentirsi appagati, soddisfatti, per svegliarsi al mattino con la voglia di fare , di cambiare, serve altro. La felicità è effimera proprio perchè è un raggiungimento di un obiettivo , di un risultato, di un’aspettativa . Prendendo come esempio i bambini, la gioia, la serenità dell’anima si raggiungerebbe senza problemi: loro non cercano alcun risultato bensì, quello che incontrano, lo esplorano, lo vogliono conoscere per il solo fatto di approfondirlo, per il piacere di esplorarlo. Ciò che blocca la felicità sono i sentimenti quali il senso di colpa, la vergogna, l’autosvalutazione, la tendenza a vedere il problema fuori da sè pensando che siano gli altri a sbagliare. Per raggiungere la gioia, la serenità, bisogna concentrarsi coltivando il proprio sè interiore, cercando di avere atteggiamenti garbati e gentili, annullando così l’insonnia, i pensieri negativi, le elucubrazioni mentali e fomentando la voglia di vivere, la capacità di affrontare le avversità, la vita in genere.

Perdonare

Perdonare cambia la vita, non a livello evangelico ma psicologico, perchè ci liberiamo dal macigno e andando verso la serenità, la felicità. Il perdono è lasciar andare la rabbia, i cattivi ricordi, i torti subiti, significa non avere più l’ansia di avere ragione a tutti i costi, è smettere di tenere la posizione ad oltranza per non perdere . Noi siamo fatti per l’armonia, per l’incontro, per l’equilibrio. Ma..come si fa a perdonare davvero, lasciandosi alle spalle i brutti ricordi?