Falsa verità

Dolore profondo

cuore dilaniato

pensieri oscuri

dubbi irrisolti

verità celata

in un falso sì

di tue parole

mai confermate dalle tue azioni.

Stefania Spaziani

Dalla frase “meglio un sincero no che un falso sì”

Cuore

Non sono una mente cosiddetta “logica”, sono passione, cuore, mente collegata al mio sentire, alle mie intuizioni, alle mie paure, ai miei sentimenti…sono un vulcano di sensazioni a cui cerco di dare un equilibrio ma che, talvolta, mi sfuggono di mano e mi infuocano..chi mi sta intorno non mi comprende o forse pochi ci riescono e , con il mio istinto sono irrazionale ma nella praticità, sono folle ma affidabile, multi facce ma univoca…Io sono io .

Stefania Spaziani

By Sofia (mia figlia primogenita)

Dopo un mese di “quarantena” ecco cosa ha scritto Sofia:

“Senso di malessere misto

a malinconia persistente

impregna le pareti chiare.

L’aria viziata e nebbiosa

sospende il tempo

in un ticchettio lontano che si perde

in un eco di ricordi.

Galleggia, mentre

gli occhi si perdono

e le ciglia scure

accarezzano gli zigomi.

Sospesa, leggera,

si libra libera nella frescura

della sera incalzante.

Sorvola i tetti bruni

accarezzando il vento

e la mente, infine,

si ferma a godere del presente.

E lacrime calde

scorrono sul sorriso stanco,

amare e dolci,

ebbre della luce del sole e del vento

e della luna che fa capolino

e degli anni che passano,

delle stelle,

della terra e della vita che la circonda

e che penetra sotto la pelle,

fino al cuore.”

Sofia Mazzella

Super me

Non sono mai stata in guerra se non ascoltando i racconti dei miei nonni e delle mie zie che l’hanno vissuta in prima persona, ma ora, quando vado al lavoro munita di mascherina e di guanti e di disinfettanti , mi sembra di essere in uno dei quei film americani dove vengono girate scene su apocalissi, virus letali, post battaglia o simili…durante il tragitto in auto sono sola, nessun altro , nessuna auto, niente coda, solo la campagna che si risveglia, le colline in lontananza, strada libera..sono sola. Mi sento come un’eroina che, da sola, affronta un pericolo sconosciuto per salvare se stessa, la sua famiglia e il mondo intero. Lanciata , da sola, verso l’ignoto, verso un qualcosa da schivare. E’ come se ogni giorno facessi lo slalom per evitare il covid-19..da sola ma forte di me stessa e delle mie paure…..segue. (scritto nella settimana dal 16 al 20 marzo)

Stefania Spaziani