Thanks a lot

1.000 Mi piace
Congratulazioni per aver ottenuto 1.000 Mi piace totali su TYT.
Your current tally is 1.004.
Grazie a voi….per la vostra costanza, i vostri commenti, per la compagnia, la condivisione e la continua conoscenza…con la speranza di non lasciarci mai…Stefy e Luca
Annunci

Fanciullezza

children-1879907__340

Lasciati andare, fatti portare dall’onda, guardati dentro, ascoltati e ritrova il fanciullo nascosto dentro di te, il ragazzo che hai archiviato da anni ma che porti dentro al tuo cuore: che bello divertirsi per il solo e semplice gusto di farlo, ridere, giocare, comunicare, socializzare, non pensare a nulla se non al proprio svago , al sano piacere. Spensieratezza, allegria, primordi, scoperta, novità, stimoli….

E tu? Riesci a far venire fuori il fanciullo che sei stato?

 

Vino o birra?

Il vino è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione dell’uva o del mosto..La qualità e la diversità dipendono da vari fattori, quali per esempio la zona di produzione, il clima, il tipo di vitigno, il terreno, il colore (bianco, rosso, rosé) e altro. Fin dall’antichità se ne faceva uso (sembra addirittura dal neolitico) in molte zone del Mediterraneo e anche oltre (Turchia, Siria, Egitto) anche se  risultava essere una sostanza sciropposa, molto dolce e, allo stesso tempo alcolica e quindi veniva allungata con acqua e mescolata con miele e spezie per ottenere un sapore piu’ gradevole.  L’Italia è uno dei paesi di maggior produzione vinicola per qualità e quantità.

La birra è anch’essa una bevanda alcolica ottenuta però dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata con luppolo ed è una delle bevande piu’ antiche  e piu’ diffuse del mondo. Essa è databile al settimo millennio a.C. nella cultura della Mesopotamia,dove aveva un significato religioso ed era bevuta durante i funerali per celebrare il defunto e offerta alle divinità per propiziarsele e in quella egiziana, dove era considerata un alimento ed una medicina . Chi diffuse la birra in Europa furono le tribù germanice e celtiche. La classificazione deriva da varie caratteristiche : dal tipo di lievito impiegato e , di conseguenza, dal tipo di fermentazione, dal colore,  dalla fragranza, dal grado alcolico.

E tu?  Sei un amante del vino o preferisci rinfrescarti la gola con un bel birrozzo?

 

Il suo profumo

rosa-1838148__340

Se pensi di farti bendare e farti mettere di fronte a 100 uomini o a 100 donne  che devi annusare , pensi di essere in grado di riconoscere il profumo , ovvero l’odore di chi ami ? Io sono sicura che ci riuscirei…perché, con il senso dell’olfatto ,si riescono a percepire olezzi che stimolano ricordi, emozioni, bisogni o necessità, inoltre ognuno si contraddistingue per avere un proprio naturale profumo e..il gioco è fatto: chimica + memoria olfattivi…e il partner è riconosciuto.

Tu, cosa ne pensi?

 

L’orto

 

salad-981969__340

Eccoci al “take your time” … perché non dedicarsi, per chi ha un pezzettino di terra, a coltivare il proprio orticello? Piantare l’insalata, le zucchine, le fragole o qualsiasi altro vegetale dà una grande soddisfazione e un grande rilassamento. Toccare la terra con le mani, bagnare le piantine e vederle crescere giorno per giorno, raccoglierne i frutti e assaporarli rende davvero liberi..sia di scegliere cibo sano , sia di sentirsi di nuovo a contatto con la natura che ci accoglie. Un momento per te…questa può essere un suggerimento.

E tu, ti piacerebbe avere un tuo piccolo orticello o ce l’hai già?

 

Mare o montagna?

volkswagen-569315__340

Sei un lupo di mare? Ami navigare, nuotare, spiaggiarti su una distesa dorata a prendere il sole? Ami respirare la salsedine e farti spettinare i capelli dal vento salino?                     O preferisci la pace e il silenzio dei monti? Le passeggiate immerso nella natura, dove l’aria diventa rarefatta e la vegetazione a mano a mano che sali verso la vetta sparisce?

Silenzio

pier-1467984__340

Ricercare un  luogo dove non c’è rumore, ma solo silenzio…dove tempo e spazio spariscono per cercare di trovare se stessi, per meditare e non sentire se non la propria energia che fluisce dentro di te. Senza parole che escono dalla bocca , solo con il silenzio interiore per placare l’attività frenetica della mente, per ridurre i pensieri e trovare la calma. Silenzio, natura, gioia, riconnessione…

Tu? riesci a trovare un momento per stare in silenzio e fermare il tempo?