La scuola

kids

Cercando di mettere in qualche modo in ordine  i libri sparsi in casa, mi è capitato tra le mani un vecchio saggio di Ivan Illich “Descolarizzare la società”, del 1970, impressionante per la lungimiranza  e la precisione nel descrivere il metodo di insegnamento perverso dell’attuale sistema scolastico…

“Nei paesi sviluppati o in via di sviluppo, sotto  ogni regime e latitudine, tutti i sistemi scolastici hanno oggi in comune una caratteristica fondamentale. Che l’ordinamento economico sia capitalista o socialista, che i programmi delle scuole mirino a produrre tecnici o umanisti, che l’insegnamento si effettui in aule aperte o secondo metodi tradizionali, non fa differenza: tutti i sistemi scolastici poggiano su una identica struttura latente, svolgono una stessa azione inconscia, che inculca nell’allievo alcuni principi che determineranno tutto il resto della sua esistenza: l’istruzione non ha valore se non si acquista a scuola attraverso un graduale consumo di titoli, che la futura riuscita sociale dell’individuo dipende dal livello e dal prezzo dei corsi di studio e che è più importante apprendere cose ” sul mondo” che trarre il proprio sapere  ” dal mondo “.        …

… e consta che l’evoluzione della società tende a spogliare l’individuo delle sue capacità creative e a trasformarlo in un assistito preso a carico per tutti i suoi bisogni essenziali da servizi sempre più burocratizzati: servizi che, nello stesso momento in cui pretendono di soddisfare una domanda, creano una domanda maggiore e accentuano lo stato di dipendenza dell’individuo…”

Cosa ne pensate?

Senza parole

dog

Talvolta basta uno sguardo, una carezza, un sorriso, un piccolo gesto per far capire molte cose a chi ci sta vicino..senza parole si possono esprimere i sentimenti piu’ profondi  e piu’ nascosti. Le parole sono superflue o illusorie se si promettono cose che poi non si fanno…

Senza parole si ama, si sta vicini a chi ne ha bisogno, si comprende, ci si coccola…senza parole!!

 

“L’essenziale è invisibile agli occhi”

iceberg-471549__340

Cit da “Il piccolo principe”.

Cosa ne pensate? E’ proprio vero che ci fermiamo alla superficie delle cose senza vedere la loro essenza, senza volerle approfondire ?

Se questo succede qual è il motivo? Forse abbiamo paura di vedere davvero la verità ? O forse siamo presi in una realtà costruita da altri e di cui non siamo completamente consapevoli?

Il modello dei bidoni (the market for lemon)

sfasciacarrozzesfasciacarrozze

Il modello economico individuato dall’economista George Akerlov nel 1970, che come esempio ha supposto il mercato delle auto, ci fa comprendere un aspetto importante  dell’economia , quello della selezione avversa. Le auto usate possono essere o meno in buono stato, poiché c’è incertezza circa l’effettiva qualità di tali vetture, è necessario quindi usare un indice di qualità, ossia il prezzo; se la qualità dell’auto viene segnalata dal prezzo, chi ritiene di avere un’auto migliore da vendere rispetto al prezzo offerto dal venditore si ritira, lasciando spazio alle auto di qualità inferiore, con un meccanismo che tende sempre di più ad abbassare il livello della merce in vendita fino alla scomparsa del mercato in questione.

Questo principio si può applicare anche al mercato del lavoro; se un imprenditore decide di abbassare gli stipendi, i lavoratori più capaci tenderanno a “risparmiare fatica”, e a impegnare le energie nel cercare lavori più remunerativi finché non ci riusciranno; rimarranno quindi solo quelli meno capaci che non ritengono di poter trovare di meglio, causando forse la chiusura dell’azienda.

La selezione avversa è un aspetto che, nonostante decenni di studi e di teorie economiche ormai consolidate, non viene preso in considerazione . Le modifiche delle condizioni contrattuali non condivise quindi possono danneggiare anche chi le attua in autonomia, senza tenere conto delle persone e delle loro potenzialità.

 

 

 

Il sorriso negli occhi

20170206_1059161La felicità è nell’anima , è dentro di sè, nel profondo,  e la si trova quando si ha l’equilibrio in se stessi e s’impara ad amarsi…lavoro lungo, intrinseco, talvolta doloroso ma il risultato è impagabile. Una rinascita interiore, una forza che sostiene ogni evento esterno che attira le persone giuste, allontana gli eventi sbagliati e fa fare le scelte favorevoli.

Obiettivo raggiunto : serenità e luce che arriva dagli occhi che sorridono alla vita!!

Tu..sei felice?

Se promener dans la nature…

20161231_162027Tempo per sè..sempre meno, sempre più  difficile da trovare…ma basta poco…davvero poco per ritrovare se stessi, l’equilibrio, la serenità interiore…ritagliarsi un’oretta e andare a fare una passeggiata immersi nella natura è impagabile, ti ridona vitalità, gioia e voglia di vivere. Il verde aiuta a riconciliare la tua anima con l’energia dell’universo, ti riallinea con i ritmi reali della natura umana , calma, pace , suoni soavi, profumi intensi, vento, colori caldi ..occhi che si riempiono di immagini leggiadre….cuore leggero, entusiasmo fanciullesco.

Tu , cosa fai per ritrovare te stesso?