Sei un botto brava!!

La scorsa sera , parlando con le mie figlie: “lo sapete che sono riuscita ad incrementare il fatturato rispetto all’anno scorso dell’85%? Tenendo conto che i tempi non sono dei migliori, che non è molto che lavoro qui, che non mi occupo totalmente di vendita e che manca ancora un mese..sono molto soddisfatta e anche la mia ditta lo è di me!!”..Le mie figlie per tutta risposta:”mamma, sei un botto brava!!”..Questo loro commento, così inaspettato e spontaneo mi ha resa tanto felice : nel loro gergo, con una piccola frase che racchiudeva tutto il loro orgoglio nei miei confronti, sono riuscite ad esprimere tutta il loro apprezzamento e la loro gratitudine per quello che faccio e per come lo svolgo . Il mio cuore ha avuto un piccolo balzo e lo slancio per continuare così…

Mamma di oggi

Mi capita spesso di sentirmi sbagliata o meglio di sbagliare nell’educare le mie figlie. Fin da piccole le ho trattate “da grandi” nel senso che ho sempre preso in considerazione il loro punto di vista, i loro bisogni, ho sempre chiesto la loro opinione, mi sono interessata a quello che provavano, ai loro desideri e alle loro necessità. Mi sono sempre confrontata con loro e ho sempre tenuto conto del loro pensiero, parlando loro, ascoltandole. Continuo a farlo ancora oggi che sono davvero “grandi” o comunque più grandi, ma spesso mi rendo conto che talvolta, la troppa “confidenza” che hanno con me, fa’ si che non mi rispettino abbastanza: hanno la risposta pronta, pensano di avere ragione a tutti i costi , senza farsi un esame di coscienza e non consapevoli della loro ancor poca esperienza. Mi sento a metà tra essere figlia di un’epoca in cui il rispetto era fondamentale e mamma di un’era in cui i ragazzi stentano a riconoscere l’autorità. Il mio obiettivo è non mollare continuando a confrontarmi con fermezza.